Sui sentieri della riserva naturale della Abbadia di Fiastra, a piedi o in sedia a rotelle

02.10.2016 09:00

NB: Abbiamo atteso fino all'ultimo ma le previsioni meteo sono "un pochino" scoraggianti e non invitano a partire. Comunque l'obiettivo rimane ed il percorso pure: escursione rinviata in attesa di... tempo migliore

 

Mentre "LE TERRE DELLO ZAFFERANO TOUR", previsto per domenica 16 ottobre (vedi articolo precedente), è rinviato, per temporanea impraticabilità di alcuni siti di particolare interesse per quell'escursione, a data da destinarsi, vi invitiamo a partecipare (e a diffondere) a questa importante iniziativa:

 

Ci sono diverse associazioni che si occupano di organizzare escursioni e passeggiate a contatto con la natura. Tutti sono convinti che questi momenti siano benefici, sia a livello fisico che a livello mentale. Ma c’è anche un altro vantaggio: le passeggiate sono “democratiche” e non escludono nessuno. Seguendo l’esempio di altre realtà similari, la Fondazione A.R.C.A., Onlus in collaborazione con l’Associazione Neuro Fibromatosi (ANF) Sezione Marche ed il Gruppo Società e Ambiente Senigallia, organizza una breve escursione sui sentieri della Riserva Naturale di Abbadia di Fiastra.
 
La Riserva Naturale Abbadia di Fiastra si estende per circa 1.800 ha nel territorio dei comuni di Tolentino e Urbisaglia nella fascia medio-collinare fra i 130 ed i 306 m. Il cuore della Riserva Naturale è costituito dalla cosiddetta “Selva”, che è un bosco di oltre 100 ettari giunto quasi intatto fino ai giorni nostri, grazie alla cura che ne ebbero prima i monaci cistercensi e successivamente la famiglia Bandini ed infine la Regione Marche che lo ha dichiarato "Area Floristica Protetta". Quello della Selva è un’ambiente molto importante in quanto costituisce uno degli ultimi esempi viventi del bosco che ricopriva il territorio collinare marchigiano, con la presenza di specie ormai rare, quanto imponenti, come la Farnia. L’Abbazia di Chiaravalle di Fiastra è una delle abbazie cistercensi meglio conservate in Italia, fu fondata nel 1142, utilizzando anche materiale proveniente dalle rovine della vicina città romana di Urbs Salvia. 
 

Programma: 

  • ore  8:15 incontro al parcheggio del centro commerciale “Il Molino”, di fronte alla Agenzia delle Entrate; 
  • ore 10:00 arrivo alla Abbadia di Fiastra;
  • ore 10:30 inizio escursione;
  • ore 12:30 sosta pranzo (per chi volesse, è possibile pranzare presso il self-service della foresteria dell’Abbazia, a menù fisso da €10 o €15. Se interessati, prenotare presso “La Foresteria“ tel 0733201125). 

Nel pomeriggio possibilità di visitare l’Abbazia di Chiaravalle di Fiastra. L’escursione naturalistica sarà guidata da Giorgio Sagrati esperto naturalista (GSA).

Partecipazione gratuita, mezzo proprio. In caso di maltempo, l’iniziativa è annullata. Con l’idea di far partecipare davvero tutti, è stato scelto uno dei primi percorsi delle Marche ad essere reso accessibile anche dai disabili. Il percorso inizierà con il sentiero sensoriale “il bosco e il fiume”, della durata di circa 30 minuti. Il sentiero sensoriale è un percorso lungo il quale la scoperta della natura viene effettuata non solo con il senso della vista, ma anche utilizzando l’udito, l’olfatto e il tatto. In particolare sono state eliminate le barriere architettoniche, al fine di rendere il percorso accessibile a tutti. Esso si snoda in pianura e per percorrerlo si impiegano circa 30 minuti. L’itinerario è caratterizzato da un fondo in ghiaia compattata e rullata ed è delimitato da una staccionata in modo tale che possa essere percorso senza pericolo. Si possono notare le caratteristiche delle siepi, della vegetazione ripariale, del fiume Fiastra, del pioppo bianco e alcuni alberi morti. La passeggiata potrà essere allungata percorrendo parte di un altro sentiero denominato “Il lago Le Vene”, sempre di facile accesso e percorrenza.

Per informazioni:

Cosa portare (suggerimenti):

  • abbigliamento sportivo;
  • cappello;
  • giacca antipioggia/kway;
  • acqua;zainetto;
  • pranzo al sacco.

L’organizzazione declina ogni responsabilità per incidenti e/o danni che dovessero accadere a persone e/o a cose, prima, durante e dopo l’escursione.